canchanchara

Canchanchara, dalle origini ad oggi

Quando parliamo di Canchanchara ci immergiamo nella più profonda tradizione del bere tropicale.
Siamo a Cuba e ci riferiamo ad una miscelazione atavica che ancor prima di essere uno dei cocktail cubani più conosciuti era un modo di bere semplice, funzionale e spirituale.
La storia della miscelazione cubana è atipica rispetto a molte altre isole del rum, questo per una commistione di culture alcoliche diverse che hanno prodotto una miscelazione singolare, se vogliamo moderna, che viaggia parallela a quella tradizionale.
In riferimento ai cocktail cubani siamo in presenza quindi di preparazioni diametralmente opposte sia culturalmente sia tecnicamente, abbiamo contemporaneamente drink come il Cuba Libre e allo stesso tempo l’antichissima Pina Fria o Pina Colada e delle differenze importanti in merito al distillato quindi tra ron ligiero e aguardiente.
Così allo stesso modo si sente spesso parlare spesso di Canchanchara come preparazione antenata al Daiquiri, probabilmente per l’attinenza della ricetta attuale a quella del drink cubano più famoso di sempre. 
Premetto che non sono particolarmente in accordo e cercherò di spiegare il perchè ripercorrendo la storia del di questo noto cocktail.

canchanchara aguardiente cocktail cubano ron ligiero

Ricetta Canchanchara

3/4 oz succo fresco di lime
3/4 oz di honey mix o aguamiel
2 oz aguardiente/rum cubano
Tecnica: stir and strain
Servizio: tazza Canchanchara 22 cl


La ricetta classica che oggi conosciamo è molto semplice rum/aguardiente cubano, lime e aguamiel, esattamente come il Daiquiri è composto dal distillato, una parte acida e una parte dolce. 
Essendo un modo di bere antico, quindi preparato senza ghiaccio, la preparazione moderna, che può essere più attinente all’origine del drink, è probabilmente oggi espressa dalla tecnica stir and strain e servito in una tazza in terracotta dalla capienza di una coppa.
Tuttavia in periodi caldi io sono solito servire la Canchanchara con ghiaccio, preparata con tecnica shake and pour e servita con lo stesso ghiaccio di preparazione all’interno di una tazza da 40 cl.
Evitando l’inutile cambio del ghiaccio con quello nuovo che, a meno che non si lavori con ghiaccio appena tirato fuori dal freezer, serve solo a diluire ulteriormente il drink.
Il drink shake and pour risulterà molto più fresco e le capacità termiche della terracotta contribuiranno a mantenere la temperatura bassa per un tempo più lungo.

CLICCA QUI PER LEGGERE UNA PARTICOLARE RICETTA DI CANCHANCHARA

Se qualcuno fosse interessato ai bicchieri della Canchanchara® può visionarli sul sito Canchanchara.it o Canchanchara.com e mi potete contattare tramite i social anche sulle pagine Facebook e Instagram Canchanchara

sotto le foto delle tazze. il nome canchanchara è un marchio registrato per la produzione e vendita di queste tazze

L’attinenza con il Daiquiri

Sia la Canchanchara che il Daiquiri sono indubbiamente cocktail cubani, ovvero nati a Cuba, ma analizzando la loro storia effettivamente l’origine dei due cocktail ha radici profondamente diverse, direi opposte.
Se il primo è un modo di bere tradizionale e del popolo il Daiquiri invece, senza ripercorrere la sua storia attraverso il racconto che vede protagonista l’ingegnere americano Cox, ha origini fin da subito più attinenti alla classica funzione del cocktail moderno americano.
Quindi, indipendentemente dalla tecnica, il Daiquiri è più legato al concetto di quell’ospitalità attinente alla funzione del bar piuttosto che alla tradizione popolare.
Questo differente valore intrinseco, e in entrambi i casi importante, condiziona pesantemente l’evoluzione tecnica dei cocktail cubani in merito.
A differenza della Canchanchara, l’evoluzione tecnica del Daiquiri, che ricordo essere nato stir con zucchero grezzo, poco dopo la sua origine approda in alcuni bar frequentati dagli americani e si adatta subito alle tecniche di miscelazione che gli stessi barman statunitensi hanno portato a Cuba.
Nel suo percorso raggiungerà la sua massima espressione attraverso la più alta delle tecniche inventata da Costantino Ribalaigua, senza la quale non esisterebbe la miscelazione Tiki. (clicca per leggere).
Constante nobilita il drink tanto da renderlo ancora più affine agli esigenti palati americani che frequentavano Cuba prima dopo e durante il proibizionismo, valorizzando ancora di più il ron ligiero.
Forte della spinta pubblicitaria operata dalla famiglia Bacardi su Cuba, il Cuban Daiquiri attraverserà l’oceano per diventare il cocktail cubano più popolare negli Stati Uniti e poi in tutto il mondo relegando la Canchanchara nei confini perimetrali dell’isola.

Il vecchio e il mare – Un classico al mese – Studio83 – Scrivi bene,  pubblica meglio!

Il drink decantato dal leggendario Hemingway è ancora oggi uno dei drink più popolari al mondo, la pietra miliare della miscelazione cubana e non solo in quanto è la base tecnica per ogni barman.
C’è poco da dire, la qualità di un Daiquiri è un metro di misura della bravura di un bartender.

La cultura popolare della Canchanchara

Lontano dalle “bodeghe” americanizzate dell’Havana e da tutti bar turistici, la Canchanchara rimane invece molto ancorata alla sua origine.
Un modo di bere arcaico ad uso della popolazione contadina e ribelle, dai tempi più remoti dei Cimarrones dei boschi a quella la parte di popolazione Cubana pre-castrista che ha sempre rifiutato i posti di lavoro nei casinò gestiti dalla malavita di stirpe italo/americana ed ebrea quanto il denaro proveniente dalla United Fruit o dalle altre multinazionali americane a Cuba.
Tra storie vere e leggende si pensa che l’aguardiente della Canchanchara abbia immortalato da sempre lo spirito della ribellione, l’orgoglio di una popolazione sottomessa ma sempre sovversiva.
Distillato bevuto dal principio della storia dell’alcol a Cuba, dai tempi più antichi delle piantagioni spagnole di canna da zucchero fino ai tempi dei combattenti delle montagne che, forti degli ideali del leggendario Josè Martì, scendevano nelle città imbracciando fucili per combattere lo strapotere economico statunitense.
Tuttavia nonostante la suggestiva storia della Canchanchara, forse anche esageratamente poetica, come ho prima accennato, non sono molto d’accordo nel paragonare il drink al Daiquiri, che in effetti è un cocktail cubano, con rum cubano ma che ha tutto il sapore di una storia americana a Cuba.

cimarrones


Ricapitolando
A partire dai differenti concetti espressi dalle preparazioni, quindi dalla tecnica d’utilizzo, credo che i due modi bere, che oggi sono considerati veri e propri cocktail cubani, seguano percorsi diversi e direi diametralmente opposti.
Il percorso del Daiquiri nasce con l’arrivo degli americani a Cuba e segue l’iter prima accennato che ne cambia la ricetta e la tecnica. Appare da subito concettualmente inserito nel concetto più puro di cocktail che poi evolve in funzione del turismo e del business legato al rum.
D’altra parte la Canchanchara nasce invece come un modo di bere contadino e corroborante di estrazione popolare e, come tutti i modi caraibici di bere, dalla ricetta non molto definita. Mi sento dunque di affermare che il Daiquiri non sia l’evoluzione della Canchanchara.

L’aguardiente e il ron ligiero

La Canchanchara appare, da tutte le testimonianze raccolte, un drink popolare tra il “bajo pueblo” ovvero tra la popolazione povera, presente e di abituale utilizzo alla stregua dei fermentati più noti come la Chicha/Garapina o il diffusissimo Pru.
Una differenza sostanziale che contraddistingue il bere popolare parte proprio dal distillato stesso.
Non dobbiamo pensare alle preparazioni alcoliche contadine con riferimento al classico ron ligiero a cui siamo abituati.
Il rum, fin dalle prime lavorazioni più tecniche e competitive, non era certamente d’uso comune per la popolazione che invece beveva aguardiente, spesso autoprodotto, e usato come rimedio per qualsiasi necessità.

L’aguardiente diluito con acqua o in purezza era adoperato non solo dalla popolazione ma anche negli ospedali sicuramente anche dopo i primi anni del 900′. Questo distillato infatti, godeva di ampia documentazione scientifica elaborata da medici e ricercatori dell’epoca ed era un vero e proprio rimedio universale.

aguardiente

L’importanza dell’alcol in campo medico è testimoniata dalle prescrizioni di Draquesito (draquecito, el draque), quello che è ormai un cocktail che all’epoca era considerato un rimedio efficace contro il colera, in particolare all’Havana. Ma di questo drink ne parlerò più avanti.

Rum e... Mojito. Da Sir Francis Drake a Cuba. - Isla de Rum

La diffusione del ron cubano tra la popolazione ha trascorsi abbastanza recenti, nel passato più remoto anche l’aguardiente o guandende, come era chiamato dalle popolazione africane schiavizzate sull’isola, non era sempre disponibile ed infatti, senza mai rinunciare alla tradizionale e forte cultura alcolica, era spesso sostituito con vino di palma o il suo distillato. Offerto alle divinità spirituali afrò/cubane il guandende era presente nella vita quotidiana del popolo.
Tutte le preparazioni più popolari ed ancora oggi conosciute erano preparate con l’aguardiente.
Anche il Saoco, prima di diventare una bevanda turistica ed essere preparato con ron ligiero o brandy, era semplicemente composto da aguardiente e acqua di cocco.

saoco ron ligiero

Origini della Canchanchara

Altre testimonianze sull’uso dell’aguardiente tracciano anche la storia di quella che oggi è la Canchanchara.
Questa preparazione è spesso descritta come bevanda calda e non la bevanda rinfrescante che oggi conosciamo.

Qui apro una parentesi per specificare che all’epoca non esisteva ghiaccio, quindi alla stregua del Ti-Punch, aguardiente, lime e zucchero miscelati senza ghiaccio erano e ancora sono bevande rinfrescanti.
Mentre le bevande calde sono assimilabili più ai toddy, ovvero preparazioni, punch o drink bollenti, che, con le loro proprietà corroboranti erano utilizzati spesso con scopi medicali.
E’ certo che la Canchanchara fosse uno di questi punch bollenti, una preparazione a calda secondo le testimonianze e le credenze dell’epoca capace di apportare al corpo buone quantità di vitamine.
La preparazione più comune era composta da miele (aguamiel) o raspadura (zucchero grezzo) e acqua bollente in cui venivano infuse foglie di arancia o menta, a ciò veniva in fine aggiunto aguardiente spesso diluito con acqua per smorzane ulteriormente la potenza.
Ricordo che queste preparazioni non sono universali o ricette ma indicazioni variabili a seconda dei luoghi o semplicemente a discrezione di chi le preparava.
Se alla Canchanchara si aggiungeva l’aji guagao (peperoncino) prendeva il nome di Frucanga che alla fine era la stessa identica cosa della Sambumbia che però era analcolica in quanto non veniva aggiunto l’aguardiente.

Ají Guaguao

La Canchanchara moderna, per intenderci quella che tutt’oggi preparano anche a Cuba, sembra invece avere più attinenza all’antico Cuba Libre che era una semplice preparazione non calda, quindi rinfrescante, fatta con aguamiel e aguardiente, la stessa preparazione era chiamata Agua de Mona se si utilizzava acqua calda in aggiunta.
L’aggiunta di zenzero all’agua de mona nel momento del servizio trasforma la preparazione nel Ponche Mambì.
Ovviamente non c’è alcuna attinenza del Cuba Libre moderno con il Cuba Libre tradizionale appena descritto.
Sebbene ho trovato numerose testimonianze, di diverse epoche, di una Canchanchara sempre preparata calda non ho mai trovato nessuna fonte che possa testimoniare una preparazione simile a quella attuale, ovvero rinfrescante.
L’idea che mi invece mi sono fatto è che, essendo Canchanchara un nome popolare, la ricetta originale si sia evoluta con questo nome in modo circoscritto a Trinidad.
A mio avviso e secondo le mie fonti è più probabile che possa essere semplicemente una singolare interpretazione del bar La Canchanchara che prima di tutti ha proposto questa preparazione come cocktail cubano ad una Cuba in realtà più turistica.
Una Cuba quindi lontana dalle battaglie per l’indipendenza del popolo ma delle quali veniva e viene enfatizzato il concetto del “cocktail bevuto dai guerrieri” attraverso questo drink.
Anche perchè, data l’attinenza del nome, sarebbe stato più logico che i combattenti bevessero più l’antico Cuba Libre prima descritto piuttosto che la Canchanchara.
Per sovrapposizioni storiche di nomi e ricette con il Cuba Libre moderno, per ovvie ragioni, e per la grande popolarità di quest’ultimo, sarebbe stato quantomeno un controsenso promuovere un drink con la Coca Cola come il drink simbolo della rivoluzione e dell’orgoglio della popolazione cubana.
In quanto il sistema ed il concetto “Coca Cola” rappresenta tutto ciò che buona parte della popolazione cubana ha combattuto da sempre e stride con l’idea dei sacrifici dei combattenti caduti in secoli di lotte per l’indipendenza e quindi con il valore dell’espressione Cuba Libre!.



SE TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO CONDIVIDILO SUI SOCIAL
(forse da qualche parte in basso c’è un icona che permette di farlo) 


 Seguimi sulla mia pagina Facebook per tutti gli ARTICOLI

E su Instagram per le foto e aggiornamenti
Altre ricette sul blog

  

canchanchara ron ligiero aguardiente cocktail cubano
Summary
le origini della canchanchara
Article Name
le origini della canchanchara